DATABASE

FRIEDRICHSTRASSE
Berlino (1999)


SCHEDA Descrittiva
SCHEDA DESCRITTIVA

Paese GERMANIA
Denominazione FRIEDRICHSTRASSE
http://www.bahn.de/konzern/uebersicht/bhf/die_bahn_station_und_service_index.shtml

Anno di realizzazione
Inizio del progetto 1995, entrata in servizio 1999.
Modi di trasporto confluenti sul nodo
Treni regionali, ferrovia urbana (S-Bahn), metrò (U-Bahn), bus, taxi, auto private.
Ubicazione
La stazione di Friedrichstrasse è una della stazioni più famose di Berlino, si trova nel centro della città a nord del viale Unter den Linden. La stazione è situata tra la Fiedrichstrasse, da cui prende il nome, la Georgenstrasse e il fiume Sprea.

Località BERLIN
Progettisti arch. Werner Weinkamm


La vecchia stazione di Friedrichstrasse fu costruita in concomitanza con la creazione della ferrovia urbana (S-bahn); l'edificio della stazione, su progetto dell'architetto Johannes Vollmer, inglobava il viadotto ferroviario ed aveva una hall molto luminosa. Le banchine, sormontate da grandi archi, erano collegate ad un sistema di percorsi ben suddivisi tra quelli dedicati alla ferrovia a lunga percorrenza e quelli cittadini.

Nel 1891, oltre all'ingresso sud, fu progettato un nuovo accesso sul lato occidentale. Intorno al 1913 iniziarono ampi lavori di ristrutturazione, sia sui binari sia sul tetto della hall, i quali però progredirono lentamente a causa della prima guerra mondiale.

Nel 1923 venne attivata una terza banchina della S-bahn, mentre la banchina centrale fu dedicata ai treni a lunga percorrenza. Il rinnovamento del tetto della hall comportò il suo abbattimento, il progetto venne eseguito dall'architetto Carl Theodor Brodführer: la costruzione che ne risultò fu in stile pre-espressionista, con hall separate tra i treni a lunga percorrenza e quelli cittadini e un tetto con archi ribassati ad altezze e luci differenti.

Nel 1933 iniziarono altri lavori che prevedevano la creazione di un collegamento nord-sud realizzato attraverso un tunnel, che fu terminato per le olimpiadi e che permetteva il collegamento tra la stazione di Stettino e quella di Unter den Linden. In questo modo la stazione Friedrichstrasse divenne il più importante nodo di traffico nel centro della città.

Dopo la seconda guerra mondiale fu la prima stazione a essere ricostruita e riprese ben presto nuovamente la sua importante funzione nel traffico della S-bahn, per diventare, con la costruzione del muro il 13 agosto '61, la stazione di confine: le hall e la zona delle banchine furono divise con pareti che segnavano fisicamente il confine tra le due Berlino.

I lavori di ristrutturazione della stazione sono iniziati nel 1995 e hanno dovuto tenere conto delle disposizioni emanate dall'ente di tutela dei monumenti, uno tra i vincoli posti è stato quello di restituire alla stazione la facciata in klincher degli anni '20. Il progetto è stato affidato all'architetto Werner Weinkamm, il quale possiede una esperienza pluriennale in merito a interventi su stazioni con vincoli storici.

La stazione è stata dotata di un nuovo tetto suddiviso in due parti, uno più ampio che copre le banchine dei treni a lunga percorrenza, un altro inferiore che copre le banchine della ferrovia urbana; entrambi nella parte centrale sono dotati di un'ampia superficie vetrata per consentire l'entrata della luce, che in combinazione con le superfici vetrate e gli elementi in acciaio conferisce allo spazio delle banchine un sorprendente effetto.

Le superfici dei lati lunghi della stazione sono realizzati con vetrate con struttura portante a griglia fine in acciaio ed un'altezza che va dall'imposta della copertura al livello del piano di calpestio delle banchine. La zona di accesso al pian terreno si presenta come una hall ampia e luminosa.

La Deutsche Bahn punta a massimizzare le superfici commerciali. Con 55 negozi aperti giornalmente fino alle ore 22.00, nella stazione si trova un mix di servizi commerciali e naturalmente anche i servizi della DB. Queste attività commerciali sono distribuite sul piano terreno, in una galleria di nuova costruzione collocata nell'ammezzato dal quale si può raggiungere la banchina della S-bahn.

Per gli interni vengono utilizzati materiali diversi a seconda della loro destinazione d'uso: la pavimentazioni sono o in piastrelle antisdrucciolo, o in granito utilizzato anche nella zona di ingresso come rivestimento per le colonne, altro materiale di cui si fa uso in modo abbondante è l'acciaio abbinato alle superfici vetrate.

In tutta la stazione sono stati riprogettati gli accessi alle varie banchine e ai servizi; nella parte nord sono stati creati nuovi accessi alla ferrovia urbana: in questa parte la stazione dispone oggi, accanto alle scale fisse, anche di 4 scale mobili e di un ascensore. Anche la zona sud ha subito interventi di trasformazione con la costruzione di nuove banchine dedicate ai treni a lunga percorrenza, che in questo contesto avranno anche dei nuovi accessi; in totale nella parte sud ci sono otto scale mobili e due ascensori oltre che naturalmente gli impianti di scale fisse.

I flussi, in media, sono di centomila frequentazioni al giorno anche per il fatto che la stazione è collocata nelle immediate vicinanze dei luoghi caratteristici di Berlino.




torna alla fototeca di questa stazione
torna all'indice di questa fototeca torna all'Homepage