DATABASE

JARDINES DE ANGEL GUIMERÀ
Barcellona(1998-1999)


SCHEDA Descrittiva
SCHEDA DESCRITTIVA

Paese SPAGNA
Denominazione JARDINES DE ANGEL GUIMERÀ



Località EL PRAT DEL LLOBREGAT, BARCELLONA
Progettista IMMA JANSANA
Tipologia GIARDINO URBANO
Anno di realizzazione 1998-1999


Questo piccolo spazio a verde, dell'estensione di circa tremila metri quadrati, è collocato nel cuore del centro storico di Barcellona, nell'antico quartiere di El Prat de Llobregat, inserito e nascosto in una fitta maglia di edifici.

Il suo attuale assetto - caratterizzato dall'accostamento di due spazi contigui, ma nettamente differenziati sia nella conformazione spaziale che nelle intenzioni funzionali - è spiegato dalle diverse origini che hanno segnato la storia di questi due siti, oggi ricongiunti in un unico giardino.

L'area di minor superficie era un tempo costituita da un isolato urbano non edificato di forma rettangolare: un cortile abbandonato privo di qualsiasi tipo di vegetazione e totalmente esposto all'irraggiamento solare.

L'area più vasta era occupata invece, da un antico giardino privato, caratterizzato dalla presenza di un boschetto denso e ben sviluppato composto da numerose piante di fichi, pruni, allori, oleandri e acacie e punteggiato da prosperosi esemplari di Palme delle Canarie (Phoenix canariensis). La presenza di questa folta vegetazione, della densa ombra da essa creata e della barriera perimetrale costituita dagli edifici circostanti, hanno permesso al particolare ecosistema creatosi di stabilizzarsi e innescare un ciclo vegetativo autonomo. La presenza costante di un discreto tasso di umidità, ha favorito lo sviluppo di particolari essenze coprisuolo, quali l'Acanto (Acanthus mollis) e l'Edera (Hedera helix), che hanno formato un compatto letto di vegetazione, che oltre a produrre un gradevole effetto estetico, ha ulteriormente stabilizzato il microclima del piccolo bosco, permettendo il rigoglioso e autonomo accrescimento della vegetazione, nei lunghi venti anni di abbandono precedenti l'intervento.

La paesaggista spagnola Imma Jansana - responsabile dell'Ufficio di Progettazione Urbana del Comune di Barcellona - di fronte a questo spazio che si presentava già come un'opera perfetta e compiuta, ha scelto di attuare un intervento minimale, che rendesse semplicemente fruibile e accessibile il luogo.

In questa parte dei giardini Guimerà, è stata disposta una sorta di passerella lignea, leggermente sopraelevata rispetto al tappeto di Acanthus. Al momento del progetto questa sinuosa passerella era stata concepita come un curvilineo sentiero dai margini ben definiti e rifilati, ma in sede di cantiere la paesaggista preferì mantenere il bordo casualmente sfrangiato del tavolato di legno. La pedana sopraelevata di listelli di legno, si snoda disegnando un percorso curvilineo che si adatta alla disposizione della vegetazione esistente e genera forme dall'aspetto organico, che a volte si allargano in piccoli ripiani, mentre altrove si restringono in sottili sentieri. Un'essenziale illuminazione inserita nel tavolato della pedana, una limitata pulizia del suolo ed una leggera potatura selettiva, sono stati gli unici ulteriori interventi effettuati in questa parte del giardino.

Un disegno ed una natura molto diverse contraddistinguono, invece, l'adiacente "giardino delle aromatiche". Lo spazio completamente vuoto e spoglio del cortile - prospiciente la Calle Centro, sulla quale si trova l'unico accesso al giardino - è stato occupato da sei grandi vasconi di ferro corten, riempiti di terreno e nei quali sono coltivate numerose specie di erbe aromatiche e officinali. La forma regolare dei sei rettangoli in metallo - accostati parallelamente, separati da regolari sentieri e coltivati con piante aromatiche delle quali compaiono i nomi in diverse lingue - conferisce a questo austero giardino l'aspetto di un piccolo orto botanico. La scelta di sopraelevare il livello di piantagione delle erbe, ad un'altezza di settanta centimetri, è stata effettuata al fine di "avvicinare fisicamente" le piante officinali, ai sensi della vista dell'olfatto e del tatto dei visitatori. L'orditura ortogonale delle aiuole, delimitate nel loro perimetro da canaletti realizzati in mattoni, rappresenta una cosciente reinterpretazione della tradizione locale degli orti del Delta de Llobregat.

Il "giardino delle aromatiche" è stato completamente circondato da un'alta siepe di cipressi, che isola e protegge quest'orto di erbe sia dalla vista esterna che dall'attiguo boschetto, aumentando l'effetto di chiostro cintato che quest'area emana.

A causa della preziosa composizione e orditura (che lo rende simile ad un giardino privato) sia del bosco che dell'orto di aromatiche, questo spazio pubblico è stato interamente recintato, circondandolo con una lunga e "classica" staccionata di legno e sottoponendo i visitatori ad un orario di visita.

(Raffaella Spagna. 31.01.2002)



torna all'indice di questa fototeca torna all'Homepage